Teatro Mancinelli Orvieto

Siete qui:

  1. Home
  2. Associazione TeMa
  3. Regolamento

Regolamento

 

Regolamento modificato:  C.d.A.  del 14/06/07 - 

Regolamento interno per il funzionamento dell’Associazione Te.Ma.
e per l’esecuzione dello Statuto

 

 

Prerogative degli Organi dell’Associazione

 Soci

 I soci “amici del teatro” possono:

 

a) partecipare alle assemblee con diritto di voto;

b) nominare un proprio rappresentante nel Consiglio di Amministrazione;

c) usufruire di agevolazioni e riduzioni riguardanti i biglietti degli spettacoli indicati anno per anno;

d) prenotare i posti in teatro telefonicamente senza pagamento anticipato dei biglietti;

e) partecipare alle iniziative promosse dall’Associazione in favore dei soci;

Possono essere considerati soci “amici del teatro” anche i soci delle sezioni, eventualmente istituite, relative a settori di  attività diversi da quello teatrale.

 

I soci “ordinari”, oltre ad avere i diritti previsti per i soci “amici del teatro” possono disporre di un primo posto per tre persone, a dieci spettacoli tra quelli programmati ed organizzati dal Teatro Mancinelli per la Stagione Teatrale.

Hanno inoltre un diritto di prelazione sugli altri spettacoli non inclusi nella Stagione Teatrale da esercitarsi entro 10 giorni dall’inizio della prevendita. 

 

I soci “sostenitori” ed i soci “benemeriti” hanno diritto ad utilizzare un palco centrale di I o II ordine per tutti gli spettacoli programmati ed organizzati dal Teatro Mancinelli.

 

I soci “sostenitori” ed i soci “benemeriti” saranno menzionati ed evidenziati su tutto il materiale pubblicistico prodotto dall’Associazione Te.Ma.

 

Struttura organizzativa

Il Responsabile amministrativo, nominato dal Consiglio di Amministrazione,  è , responsabile del personale e degli uffici.  Deve inoltre:

 

a)          provvedere alla esecuzione delle deliberazioni degli organi dell’Associazione in materia organizzativa e amministrativa;

 

b)         provvedere alla corretta tenuta della contabilità e alla redazione del bilancio preventivo e consuntivo;

 

c)          proporre eventuali variazioni del bilancio di previsione;

 

d)         valutare, di concerto con il responsabile artistico, le proposte di spesa di ogni attivita artistica e verificarne  la fattibilità sotto il profilo di copertura finanziaria prima della presentazione delle proposte al Consiglio di Amministrazione

 

e)          predisporre un regolamento del personale da sottoporre all’approvazione del Consiglio d’amministrazione

 

Il responsabile artistico, nominato dal Consiglio d’Amministrazione, è responsabile della programmazione delle attività artistiche dell’Associazione. Deve:

 

a) redigere le proposte della programmazione artistica annuale tenendo conto dell’indirizzo espresso dal Consiglio d’Amministrazione, e presentarle al Consiglio dopo la valutazione di spesa fatta di concerto con il responsabile amministrativo  

 

 b)       sondare il mercato individuando l’offerta potenziale disponibile e prendendo i

            primi contatti con le compagnie e gli artisti in genere

 

c)            coordinandosi opportunamente con l’ufficio amministrativo-finanziario   dell’

          Associazione,  che  fornirà  tutti  i dati relativi ai budget di spesa preventivati,

          formulerà una proposta artistica da presentare al Consiglio d’Amministrazione 

 

d)               una volta approvata dal Consiglio di Amministrazione le proposte di cui sopra,

garantire la corretta realizzazione degli eventi di spettacolo segnalando tempestivamente all’Associazione ogni possibile problema o anomalia.

 

Il Consiglio di Amministrazione può nominare consulenti artistici differenti dal Responsabile Artistico in relazione alle differenti tipologie di attività che l’Associazione svolge.

 

Modalità di elezione degli organi dell’associazione

I quattro membri del Consiglio di Amministrazione nominati dall’Assemblea dei Soci vengono eletti in seguito a votazioni separate che interessano distintamente le quattro categorie di soci: amici del teatro, ordinari, sostenitori, benemeriti.

Gli appartenenti ad ogni categoria di soci possono esprimere una sola preferenza fra i soci che fanno parte della stessa categoria. Se, nella prima votazione, più soci ottengono lo stesso numero di voti, si effettuano ulteriori votazioni che interessano esclusivamente coloro che hanno ottenuto lo stesso numero di voti, finché non si ha più la parità delle preferenze.

Se i soci non sono persone fisiche ma società, associazioni, fondazioni o enti, essi possono votare anche persone che non siano i rappresentanti legali di tali enti.

Prima della riunione dell’Assemblea dei Soci che deve nominare i quattro membri del Consiglio di Amministrazione, possono essere presentate al Presidente delle autocandidature. Possono essere votati anche soci che non si siano candidati.

Lo stesso procedimento viene utilizzato per l’elezione dei componenti del Collegio dei Revisori la cui nomina è di competenza dell’Assemblea dei Soci. Per quanto riguarda quest’ultima elezione, ogni socio può esprimere una sola preferenza.

Prima delle votazioni il Presidente nomina due scrutatori fra i soci presenti.

In caso di dimissioni o di decadenza di un membro del Consiglio di Amministrazione, colui che viene eletto in sostituzione del dimissionario o del decaduto mantiene l’incarico fino a quando lo avrebbe dovuto mantenere il dimissionario o il decaduto. In sostituzione del dimissionario o del decaduto viene nominato il primo dei non eletti.

Le stesse regole valgono per i componenti del Collegio dei Revisori.

 

Istituzione di sezione soci

 Possono essere istituite sezioni soci relative ai settori di attività specificati nell’art. 3 dello statuto.

Il Consiglio di Amministrazione nomina, per ogni sezione, un socio responsabile della sua attività.

La durata dell’incarico del responsabile della sezione è annuale. L’incarico è comunque rinnovabile.

Al responsabile spetta il compito principale di coordinare l’attività della sezione e di formulare proposte al Consiglio di Amministrazione nel rispetto degli indirizzi stabiliti dal Consiglio stesso.

Appena nominato il responsabile presenta al Consiglio di Amministrazione un programma annuale di attività. Il Consiglio, contestualmente all’approvazione del programma, individua le risorse finanziarie necessarie per la sua attuazione e i criteri con cui dovranno essere gestite.

 

Istituzione di un comitato consultivo riguardo all’attività dell’Associazione

 In considerazione dell’opportunità prevista nell’art. 3 dello statuto, che l’Associazione si rapporti, nella sua attività, anche con i Comune/i limitrofi ad Orvieto e con soggetti di varia natura, può essere istituito un comitato consultivo all’interno del quale siano rappresentati, se disponibili, i Comuni limitrofi e gli istituti scolastici operanti nell’orvietano. Nel suddetto comitato rappresentano l’Associazione il Presidente ed il Responsabile Artistico.

La finalità principale del comitato consiste nel coinvolgere attivamente i Comuni e gli istituti citati nell’azione svolta dall’Associazione. Infatti nel corso delle riunioni del comitato possono essere formulate proposte riguardo all’attività dell’Associazione ed essere illustrati i programmi che essa intende attuare.

Le riunioni del comitato sono convocate dal Presidente, ogni volta che ne ravvisi la necessità.

Il comitato viene istituito anche se non tutti i Comuni e gli istituti scolastici che ne possono far parte indicano loro rappresentanti nel comitato stesso.

I rappresentanti dei Comuni e degli istituti scolastici chiamati a partecipare ai lavori del comitato possono essere revocati dai soggetti che li hanno nominati.

 

Modalità di utilizzo del Teatro Mancinelli

 Oltre che dall’Associazione Te.Ma. per l’espletamento dell’attività di spettacolo legata alle finalità statutarie ed alla convenzione con il Comune di Orvieto, il Teatro Mancinelli potrà essere utilizzato direttamente dal Comune di Orvieto ogni qualvolta lo riterrà necessario.

Il Comune di Orvieto concorderà date ed orari per l’utilizzo del Teatro con il Responsabile Amministrativo tenendo conto del calendario di spettacoli già programmati dall’Associazione Te.Ma., in accordo con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Orvieto come previsto nella apposita convenzione.

Il Comune di Orvieto provvederà al rimborso dei costi dei servizi per l’utilizzo del Teatro sulla base di tariffe proposte dalla Associazione Te.Ma. ed approvate dalla Giunta Comunale.

L’utilizzo del Teatro Mancinelli potrà inoltre essere concesso a terzi (privati, enti pubblici, associazioni ecc.) sentito il parere dell’Assessorato alle attività del Comune di Orvieto e comunque per manifestazioni che saranno ritenute idonee all’immagine ed all’attività del Teatro Mancinelli.

I costi di utilizzo del Teatro da parte di soggetti terzi, sono stabiliti dalla Giunta Municipale su proposta dell’Associazione Te.Ma. Gli introiti relativi alle attività programmate congiuntamente con il Comune di Orvieto sono di pertinenza dell’Associazione.

Per l’utilizzo del Teatro da parte di soggetti terzi è necessaria una richiesta scritta con indicato la descrizione dell’attività che si intende svolgere, le date e gli orari compresi quelli per montaggi, smontaggi, prove, sistemazione sale e palcoscenico, sopralluoghi tecnici.

Sulla base delle tariffe vigenti per i costi di utilizzo del Teatro Mancinelli, l’Associazione Te.Ma. provvederà a redigere un preventivo di spesa per i diversi servizi richiesti e per le ore complessive di utilizzo del Teatro.

Il pagamento dovrà avvenire entro il primo giorno di utilizzo del teatro.

E’ richiesta una cauzione pari all’importo preventivato per i costi di utilizzo che dovrà essere versata alla Associazione Te.Ma. almeno 15 giorni prima della manifestazione e comunque in un tempo che sarà ritenuto congruo per impegnare il Teatro nelle date stabilite. Il Teatro sarà ritenuto impegnato definitivamente nella data richiesta solo dopo il versamento della cauzione richiesta.

Il richiedente l’uso del teatro si dovrà impegnare per iscritto, tramite una lettera contratto predisposta dall’Associazione Te.Ma. ad ottemperare ai seguenti obblighi:

-       dichiarare di essere a conoscenza delle norme di legge che regolano l’uso di un teatro ed impegno ad osservarle;

-       provvedere a tutte le necessarie pratiche Siae (inizio attività, permesso di rappresentazione, ecc) a permessi, autorizzazioni, agibilità e quanto altro attinente;

-       assumersi ogni responsabilità per qualunque danno o incidente che dovesse verificarsi alle persone o alla struttura in conseguenza di fatti o comportamenti imputabili a cose o persone che fanno capo al concessionari stesso;

-       garantire che tutti gli elementi scenografici che verranno introdotti nel teatro dovranno risultare ignifugati secondo le norme vigenti e la fotocopia controfirmata dalla relativa attestazione del Laboratorio dovrà essere consegnata presso gli Uffici del Teatro prima dell’inizio della rappresentazione. Il Concessionario assume ad ogni effetto la piena responsabilità della regolarità dell’attestato suddetto;

-       garantire che tutte le apparecchiature elettriche e foniche del Concessionario, compresi i cablaggi e le interconnessioni, sono rigorosamente conformi alle norme UE vigenti ed il Concessionario assume ad ogni effetto la piena responsabilità di ogni eventuale conseguenza di inadempienza al presente dettato;

-       prendere atto che:

a)    durante la rappresentazione non sono ammessi effetti che richiedano reali combustioni (fiaccole, candele, lumi a combustione, ecc.) o emanazioni tossiche o irritanti;

b)    non sono ammissibili ostacoli, limitazioni o variazioni a percorsi del pubblico e alle uscite normali e di sicurezza della sala e del palcoscenico.

c)    le costruzioni scenografiche, piani praticabili, scale, macchinerie scenotecniche, apparati di sostegno di carichi statici e mobili, dovranno essere strutturalmente e funzionalmente conformi alle norme di sicurezza.

d)    in palcoscenico ed annessi non possono essere depositati materiali non strettamente necessari alla rappresentazione in corso.

e)    al termine della rappresentazione il Concessionario dovrà sgombrare da ogni ambiente del teatro tutto il materiale di sua proprietà.

-       garantire che tutto il personale che il Concessionario impiegherà, compreso quello revocato  su piazza, ha le regolari coperture previdenziali ed assicurative anche contro gli infortuni;

-       osservare tutte le prescrizioni di sicurezza vigenti per il personale del teatro e le disposizioni

anche occasionali impartite dai sorveglianti antincendio nell’ambito delle loro funzioni e dalla direzione del teatro.