Stagione Teatrale 2007 - 2008 programma

LE DONNE DEL TEATRO

I parte

 

 

Venerdì 5 ottobre ore 21            Anteprima Stagione Teatrale - fuori abbonamento                      

Omaggio a Dario Fo - Mario Pirovano

LU SANTO JULLARE Françesco

testo e regia Dario Fo

 

La “concione jullaresca” del 1222 con la quale Francesco si rivolge ai Bolognesi non è una predica moralistica sul tema della guerra ma un’affabulazione ironica, poetica, a volte sarcastica a mò dei giullari del tempo. Erede artistico di Fo, Mario Pirovano rappresenta il testo con passione, facendoci divenire parte di quella folla di persone che ebbero la fortuna di assistere alla straordinaria, ironica e sempre viva provocazione di Francesco.

Interprete di testi straordinari che hanno meritato a Dario Fo il Premio Nobel 1997 per la Letteratura, l’attore milanese alterna nel suo percorso artistico piazze italiane a teatri prestigiosi nel mondo.

 

 

 

Sabato 13 ottobre ore 21                  fuori abbonamento                                            

Balletto di Roma

BOLERO                                                BALLET 2007 

coreografie Fabrizio Monteverde  musiche Maurice Ravel    

 

L’estro creativo del coreografo Fabrizio Monteverde si confronta con l’amatissimo brano di Ravel in uno spettacolo che vede esibirsi i ballerini del Balletto di Roma, una tra le più importanti realtà della danza in Italia. In scena una gara di ballo dal crudele meccanismo che fa leva sulla resistenza, sulla volontà di lottare e sul sacrificio spinti fino alla bestiale cecità. Una ad una le coppie soccombono all’eliminatoria, in un disfacimento psicologico e fisico metafora dell’atrocità dell’esistenza e del suo squallore.

Ad impreziosire lo spettacolo anche le coreografie TURNPIKE di Mauro Bigonzetti su musica di Bach, NOON di Eugenio Scigliano su musica di Eric Serra e IL RACCONTO DEL MITO di Milena Zullo su musica di Vivaldi.

 

 

 

Sabato 20 ottobre ore 21 - Turno A                                                               

Domenica 21 ottobre ore 17 - Turno B

Sebastiano Somma - Benedicta Boccoli

SUNSHINE

regia Giorgio Albertazzi

Il magico e perverso gioco della seduzione ci mostra le complessità della relazione uomo donna attraverso l’incontro tra un principe azzurro in agrodolce e una giovane da salvare e redimere. Armando è un uomo forte, integro, duro, ma dolce. Sunshine è una giovane donna che balla in un peep-show, spogliandosi in un box di vetro. Tra provocazioni e insulti, promesse e paure i due si guardano, si amano, si temono, si rincorrono, si feriscono, si cercano. Crudeltà e tenerezza convivono nella messa in scena di questa favola postmoderna in cui gli spunti comici fanno da contrappunto melodico ad una partitura amara e spigolosa.

 

 

Venerdì 26 ottobre ore 21        fuori abbonamento                                                               

Marisa Laurito,  Fioretta Mari,  Fiordaliso,  Crystal White

MENOPAUSE The Musical

regia Manuela Metri

 

Quattro donne over 40 si incontrano nel reparto biancheria intima della Rinascente. Non hanno nulla in comune tranne fastidiose vampate, perdita di memoria, insonnia, abbuffate di cioccolata e un rapporto sbagliato con il sesso. Un musical di successo per celebrare l’universo femminile e sfatare finalmente, con ironia e umorismo, i tabù e le paure che ancora oggi affliggono le donne alle porte della menopausa o in menopausa. Oltre al divertimento - assolutamente garantito da gag esilaranti - un obiettivo educativo: affrontare le problematiche di quella fase della vita con uno spirito diverso, alla conquista di un nuovo stile di vita.

 

 

Sabato 3 novembre ore 21 – Turno A                                                                     

Domenica 4 novembre ore 17 – Turno B

Carlo Giuffrè

IL SINDACO DEL RIONE SANITA’

di Eduardo De Filippo

con Carlo Giuffrè, Osvaldo Ruggieri, Piero Pepe, Aldo De Martino, Antonella Lori, Massimo Masiello, Gennaro Di Biase, Vincenzo Borrino, Roberta Misticone, Enzo Romano   regia Carlo Giuffrè 

In una società nella quale domina la violenza del forte, l'unica soluzione per i deboli è amministrarsi la giustizia da soli. Ed è proprio quello che decide di fare Antonio Barracano, che vive nel popolare rione Sanità, dove amministra la legge con criteri singolari ed è riconosciuto come sindaco da tutti i diseredati. La sua è un'incessante opera di giustizia verso poveri e ignoranti, una vera e propria missione che lo porta a sacrificare la propria vita pur di risolvere i problemi economici di una giovane coppia. Grande interprete della commedia napoletana, Carlo Giuffrè mette in scena uno dei personaggi più complessi del teatro di Eduardo.

 

Sabato 17 novembre ore 21 – Turno A                                                          

Domenica 18 novembre ore 17 – Turno B

Giovanni Esposito  Mimmo Esposito  Ernesto Lama

L’ALBERGO DEL SILENZIO

con TONINO TAIUTI e la partecipazione di SIMONA MARCHINI

di Eduardo Scarpetta    regia Lorenzo Salveti

Classica commedia degli equivoci dai toni brillanti e dalle trovate esilaranti, l’opera di Scarpetta narra le disavventure di Felice, che vuol tentare la sorte con la propria vicina di casa portandola all’Albergo del silenzio, così detto per la complessa organizzazione che rende possibile fare di tutto indisturbati. Ma la fama di quel luogo è sinistra, vi abiterebbero gli spiriti. Quando il marito della donna viene incaricato di periziare lo stabile per zittire tali dicerie, la gran confusione che ne segue è paradossale, ma tra colpi di scena ed equivoci caso, fortuna, furbizia si intrecceranno in una sorta di “miracolo” che risolverà la faccenda.

 

 

Giovedì 22 novembre ore 21            Sala del Carmine   fuori abbonamento               

Emma Dante

IL FESTINO

con Gaetano Bruno

 

Paride, segnato da un’infanzia problematica, festeggia in solitudine il suo compleanno. La “festa” è l’occasione per ripercorrere mentalmente l’infanzia e tornare ai compleanni passati, ma è anche il pretesto per ricordare le punizioni della mamma e l’abbandono del padre. Attenta osservatrice della realtà, l’affermata regista siciliana, che in questo monologo affronta il delicato tema della diversità, fisica o mentale che sia, resta fedele ad un teatro che non pretende di trovare risposte assolute, ma che ha la straordinaria capacità di sbattere in faccia allo spettatore realtà crude e difficili su cui riflettere.

 

 

 

Domenica 25 novembre ore 17 – Turno B                                    

Lunetta Savino

CASA DI BAMBOLA - L’altra Nora

di Leo Muscato   da Henrik Ibsen  con Lunetta Savino, Paolo Bessegato, Ruggero Dondi, Salvatore Landolina, Carlina Torta, Barbara Bedrina    regia Leo Muscato

Il giovane Leo Muscato riprende il capolavoro ibseniano “Casa di bambola” riscrivendolo in chiave contemporanea, con personaggi adattati all’oggi. Lunetta Savino, attrice di solida notorietà televisiva e cinematografica, è in scena una donna affetta da fragilità mentale. Nel suo inferno domestico Nora vive come riflesso del marito, abbandonandosi a ripetute stranezze comportamentali. Ma lui tenta di ignorare il problema, barcamenandosi in una apparente normalità dove unico scopo è la rincorsa del successo. E’ la stessa falsa normalità degli amici che le gravitano intorno, tutti calati in una giostra di ricatti, di menzogne, di un reiterato nascondersi ed apparire.

 

 

Sabato 1 dicembre ore 21 – Turno A                                                    

Domenica 2 dicembre ore 17 – Turno B

Sara Bertelà, Stefania Felicioli, Susanna Marcomeni, Chiara Noschese

DUE PARTITE

testo e regia Cristina Comencini

Quattro donne giocano a carte, come ogni giovedì. Confidenze, confessioni, insoddisfazioni. Quarant'anni dopo le loro figlie si rincontrano, e allora riprende il rito della comunicazione. Le problematiche sono diverse perché i tempi sono cambiati, eppure l’emancipazione non ha cancellato le ansie e le frustrazioni di una società femminile inappagata. “Non se ne esce” è la battuta ricorrente di Due partite (vincitore del premio V. Gassman quale miglior spettacolo della stagione 2006/2007 e come miglior testo italiano) con la quale l’autrice Cristina Comencini, al suo esordio come regista teatrale, mette in scena la “grande trappola dell’essere donne”.

 

 

Giovedì 6 dicembre ore 21 – Turno A                                                            

Franco Branciaroli

VITA DI GALILEO

di Bertolt Brecht   con Franco Branciaroli, Giulia Beraldo, Lucia Ragni, Emanuele Fortunati, Alessandro Albertin, Giorgio Lanza, Greta Zamparini, Giancarlo Cortesi, Daniele Griggio, Tommaso Cardarelli, Emiliano Coltorti, Lello Abate 

regia Antonio Calenda

Galileo, che con le sue rivoluzionarie intuizioni rischia di mettere a repentaglio gli equilibri teologici e sociali del suo tempo, si piega alla ritrattazione per timore della tortura e per mancanza di vocazione eroica. Nella versione definitiva del testo, Brecht lo descrive come eroe negativo, simbolo dell’uomo che sottomette la propria scienza al potere. Nella lettura registica di Calenda non solo emerge tutta la complessità psicologica di Galileo, logorato dall’eterno conflitto tra etica e scienza, ma ci viene anche svelato il lato più umano dello scienziato, pur rimanendo intatta la forza e l’energia della sua mente geniale.     

 

 

Sabato 8 dicembre ore 21         fuori abbonamento                                                              

Spellbound Dance Company                                BALLET 2007 

CARMINA BURANA
coreografia Mauro Astolfi    musiche Karl Orff, A. Vivaldi, V. Caracciolo

 

Spinta alla ricerca coreografica e alla commistione di generi per far sì che ogni spettacolo sia un contenitore di emozioni, immagini, suoni e gesti in costante evoluzione, la Spellbound Dance Company ha solidificato la sua presenza sulle piattaforme di danza nazionali inserendosi in tutti i principali festival e circuiti. Diretta da Mauro Astolfi, reinterpreta i famosi Carmina Burana, raccolta di documenti poetici e musicali le cui rime colgono in profondità le caratteristiche della mentalità e della cultura goliardica del Medioevo. Musiche e scenografia contribuiscono a ricreare nello spettacolo un’atmosfera che spazia dal sacro al profano.

 

 

 

 

Domenica 16 dicembre ore 21      fuori abbonamento                                                         

Giorgio Panariello

FACCIO DEL MIO MEGLO ANCORA…

di Giorgio Panariello   regia Giampiero Solari   

 

Dopo il successo della prima edizione di “Faccio del mio meglio”, l’attore toscano riprende il suo one man show con le dovute variazioni, inevitabili aggiornamenti e nuove soluzioni registiche di Giampiero Solari. Nasce così “Faccio del mio meglio…ancora”. Giorgio Panariello in scena, accompagnato da un’orchestra composta da un solo elemento e con un grande schermo dal quale entrano ed escono indisturbati alcuni tra i suoi personaggi più popolari, affronta, attraverso i monologhi più riusciti, in maniera esilarante e coinvolgente, con quel pizzico di poesia che lo contraddistinguono, il tema dell’incomunicabilità nell’era di internet.

 

 

 

 

Lunedì 17 dicembre ore 21               Sala del Carmine      fuori abbonamento     

Maria Paiato

LA MARIA ZANELLA

di Sergio Pierattini     regia Maurizio Panici  

 

Un monologo intimo, delicato e confidenziale. Una giovane della bassa padana, Maria Zanella, psichicamente fragile ma sostenuta dalla forza della propria ingenuità, è messa di fronte alla necessità di vendere la casa d’infanzia, come lei ancora segnata, e irrimediabilmente, dai danni dell’alluvione del Polesine del 1951. La sofferenza della protagonista è talmente forte che tenterà a più riprese di fuggire dalla realtà attraverso pensieri leggeri ma una volta messa alle strette compirà un gesto estremo ed infelice. Le dà corpo e voce la bravissima Maria Paiato, premiata con l’Ubu 2005 per questa interpretazione sincera e schietta del testo di Sergio Pierattini.

 

II parte

 

Domenica 30 dicembre ore 17

Venerdì 4 gennaio ore 21

Gigi Proietti

DI NUOVO BUONASERA

 

Lo spettacolo verrà rappresentato al Gran Teatro di Roma (Viale Tor di Quinto) ed è abbinato all’abbonamento della seconda parte della Stagione Teatrale 2007/2008.

Per la trasferta saranno a disposizione dei pullman al costo di euro 12 a persona (andata e ritorno). La partenza, dal parcheggio della funicolare di Orvieto Scalo, è prevista per le ore 14 per la recita del 30 dicembre e per le ore 18 per la recita del 4 gennaio. Il ritorno è previsto per le ore 22 circa per la recita del 30 dicembre e per le ore 1,30 circa per la recita del 4 gennaio.

 

 

Sabato 12 gennaio ore 21 – Turno A                    

Domenica 13 gennaio ore 17 – Turno B

Luca Zingaretti

LA SIRENA                                                                     

dal racconto Lighea di Giuseppe Tomasi di Lampedusa

regia e drammaturgia Luca Zingaretti

musiche composte Germano Mazzocchetti

 

Conosciuto al grande pubblico per il ruolo televisivo del Commissario Montalbano, Luca Zingaretti dà voce alla storia di due siciliani che, incontrandosi in un caffè di Torino, scoprono di essere animati dalle stesse passioni e dalla stessa solitudine. Sono un giovane giornalista deluso da avventure amorose di poco valore e un ex senatore, oltre che esperto ellenista, che sulla costa ionica ha vissuto da giovane un’esperienza sconvolgente, l’incontro con una sirena.

Nella lettura-spettacolo di Zingaretti, in un immaginario viaggio geografico e temporale tra Nord e Sud, emerge un mondo costruito sulla passione e l’estasi e trova spazio la ricchezza della poesia della terra siciliana.

 

 

 

Mercoledì 16 gennaio ore 21       Sala del Carmine       fuori abbonamento  

Gloriababbi Teatro

IL RISCATTO

scritto e diretto da Giampiero Rappa

con Sara Cianfriglia, Andrea Di Casa, Filippo Dini, Sergio Grossini, Emanuela Guaiana e Mauro Pescio

Una ragazza ricca viene rapita da quattro carcerieri senza convinzione, a loro volta controllati da un capobanda. La vicenda è caratterizzata dalla difficoltà che i quattro hanno nell’affrontare il pesante incarico, dai giochi di scontri e di alleanze che deteriorano i lieti ricordi di una decennale amicizia, dallo spettro di un esito molto diverso da quello che ciascuno di loro auspica. Gli attori della giovane compagnia Gloriababbi Teatro si prendono cura dei ruoli andando in profondità, cercando di toccare le zone d’ombra più oscure dell’essere umano, alla ricerca di una possibilità di riscatto per i propri personaggi.

 

Domenica 20 gennaio ore 17                     Turno A o B a scelta

Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse

LA MIA SCENA E’ UN BOSCO

di Emanuele Luzzati

regia Tonino Conte  ripresa da Claudio Orlandini

scene e costumi Emanuele Luzzati

con gli attori della Compagnia della Tosse

in collaborazione con la Giovine Orchestra Genovese

direzione musicale Pietro Borgonovo

 

Filastrocche, rime, poesie, storie e favole…Non sono pochi i testi firmati da Emanuele Luzzati che girano il mondo in libri e album…La mia scena è un bosco è però il suo unico testo teatrale, sviluppato su invito di Tonino Conte a partire da un canovaccio pubblicato nel 1989 su “Hystrio” sulla sua “scena ideale”, o meglio il suo “teatro ideale”… Nel bosco-scena la musica regna sovrana, e i protagonisti sono immersi e smarriti in una scenografica foresta shakespeariana abitata da maschere e oggetti di cartapesta.

 

 

Sabato 26 gennaio ore 21                                  Turno A o B a scelta

Teatro Stabile dell’Umbria e Teatro Stabile di Torino      

LE LACRIME AMARE DI PETRA VON KANT        

di Rainer Werner Fassbinder  traduzione Roberto Menin

con Laura Marinoni e con Silvia Ajelli, Cinzia Spanò, Sabrina Jorio, Stefania Troise, Candida Nieri  e gli animatori d’ombre Massimo Arbarello e Sebastiano Di Bella

regia Antonio Latella 

 

Laura Marinoni, in una straordinaria prova di attrice, è Petra Von Kant. Stilista di moda, donna ricca e affascinante, cade preda dell'amore per una spregiudicata ragazza di estrazione proletaria. Nella disperata determinazione di far vivere il proprio sentimento ad ogni costo, percorre la strada verso le imprescindibili lacrime che è costretto a versare chi non ha più nulla da distruggere e tenta, goccia a goccia, di venire fuori dal mare di solitudine nel quale sente di affogare.

Capolavoro del drammaturgo e regista tedesco Fassbinder, lo spettacolo rappresenta un banco di prova ideale per Antonio Latella, regista attento ai nuovi linguaggi e all’innovazione della scena, che ha ricevuto in questi anni numerosi premi e riconoscimenti.

 

 

Sabato 2 febbraio ore 21 – Turno A

Domenica 3 febbraio ore 17 – Turno B

Isa Danieli

MADRE CORAGGIO                                                    

di Bertolt Brecht

traduzione Roberto Menin

elaborazione Antonio Tarantino

con I. Danieli, A. Salaroli, M. Zannoni, L. Serao, A. Scommegna, X. Bevitori, C. Caracciolo, M. Cremon, A. Fabbri, T. Ferrari, V. Hrovatin, P. Li Volsi, F. Mascagni, A. Peres, S. Raimondi, S. Yang, L. Tabita

regia Cristina Pezzoli

scene Bruno Buonincontri

costumi Gianluca Falaschi

musiche Pasquale Scialò

luci Cesare Accetta

 

Attrice profondamente radicata nella tradizione, ma, nello stesso tempo, musa ispiratrice della nuova drammaturgia napoletana, Isa Danieli si misura con uno dei capolavori brechtiani più rappresentati e discussi, Madre Coraggio e i suoi figli. L’opera teatrale porta in scena le vicende verificatesi tra il 1624 e il 1636 nel corso della Guerra dei Trent’anni. La vivandiera Anna Fierling, nota ai soldati come “Madre Coraggio”, accompagnata nei suoi “viaggi di lavoro” dai tre figli, si sposta per l’Europa seguendo l’estendersi dei conflitti, convinta che la fine della guerra possa provocare un crollo del suo commercio.

 

 

Domenica 10 febbraio ore 17    fuori abbonamento

Daniel Ezralow

WHY BE EXTRAORDINARY WHEN YOU CAN BE YOURSELF diretto e coreografato da Daniel Ezralow

scritto da Daniel Ezralow e Arabella Holzbog

 

Autore di coreografie per molti festival internazionali, Ezralow, che ha collaborato coi Pilobolus ed è tra i coreografi-ballerini fondatori dei Momix, ha scelto per il suo nuovo spettacolo alcuni ragazzi della trasmissione televisiva Amici. In una società dove lo straordinario diventa regola di vita e imperativo da perseguire, forse è proprio la normalità a diventare oggi straordinaria ed unica. Il nuovo progetto del grande coreografo parte proprio da questa semplice intuizione: perché essere straordinari quando si può (straordinariamente) essere se stessi ? Uno spettacolo innovativo e di grande impatto visivo, la cui espressività è frutto della ricerca e dell’inedita sperimentazione tra tecniche diverse e stili contrapposti.

 

 

Sabato 16 febbraio ore 21        fuori abbonamento           Teatro Comico

ENRICO BRIGNANO

A SPROPOSITO DI NOI

di Enrico Brignano

Nel suo nuovo one man show, Enrico Brignano propone un irresistibile riassunto di temi, gag e battute del suo già lungo repertorio artistico, ricco di spettacoli che, accolti da uno straordinario consenso di pubblico, lo hanno consacrato come uno dei personaggi più amati e seguiti. L’ex allievo di Gigi Proietti - reduce da numerosi successi teatrali - conduce gli spettatori in una riflessione vera e appassionata sulla vita di oggi. Con la voce dell’ironia ragionata, innovativa e mai scontata che lo contraddistingue, il mattatore valuta attentamente tutte le ansie, le paure, le insicurezze e i vizi dell’uomo moderno, senza mai cadere nella battuta spicciola e volgare.

 

 

 

Venerdì 22 febbraio ore 21       fuori abbonamento

Compañia Argentina Roberto Herrera

TANGO                                                                           

 

Sulle note della celebre musica di Astor Piazzola, Osvaldo Pugliese e molti altri, Roberto Herrera e la sua straordinaria compagnia presentano un grande spettacolo dove l’irresistibile eleganza, sensualità e seduzione del tango si fondono armonicamente con la forza del folclore argentino. Ballerino di fama internazionale, Roberto Herrera è attualmente una delle più celebri figure del tango argentino al mondo. Un grande affresco per raccontare l’anima del popolo argentino attraverso una danza in grado di suscitare forti emozioni.

 

 

Domenica 2 marzo ore 17     Turno A o B a scelta

Enzo Vetrano  Stefano Randisi

L’UOMO, LA BESTIA E LA VIRTU’

di Luigi Pirandello

con Enzo Vetrano, Stefano Randisi, Ester Cucinotti, Giovanni Moschella, Antonio Lo Presti, Margherita Smedile, Giuliano Brunazzi, Francesco Pennacchia

regia Enzo Vetrano e Stefano Randisi

luci Maurizio Viani

scene Marc’Antonio Brandolin

costumi Ursula Patzak

 

Testo molto particolare della produzione pirandelliana, L’uomo, la bestia e la virtù prende spunto dalla novella Richiamo all’obbligo del 1906 e si sviluppa incarnandosi in personaggi-animali immaginati e descritti come maschere grottesche.

Quella che lo stesso autore valutava come “una delle più feroci satire che siano mai state scritte contro l’umanità e i suoi valori astratti” è una commedia di aspre denunce dei conformismi convenzionali della società, che pratica una falsa onestà accettando in apparenza le norme comuni per poi trasgredirle in segreto. Un memorabile ed innovativo Pirandello firmato da Enzo Vetrano e Stefano Randisi, coppia artistica tra le più interessanti del nuovo teatro italiano.

 

 

 

Venerdì 14 marzo ore 21      fuori abbonamento                    Teatro Comico

FLAVIO INSINNA

LA BANDA

regia Giampiero Solari

scritto da Pierpaolo Palladino

 

Dopo il grande successo televisivo con la fiction “Don Matteo” e lo show “Affari Tuoi”, l’attore Flavio Insinna ritorna al teatro con uno spettacolo che lo vede protagonista insieme a una big band di 9 elementi che suona dal vivo. Lo spettacolo racconta le peripezie di una banda di paese. Al suo interno si intrecciano, raccontate e commentate ironicamente da Insinna, tante microstorie riguardanti vari componenti della banda.

Sogni, sfortune, peripezie varie di viaggi impossibili e situazioni paradossalmente comiche sono gli ingredienti della storia di questa banda.

 

 

Venerdì 28 marzo ore 21              Turno A o B a scelta                                   

Marina Confalone   Pino Strabioli

CAPASCIACQUA

di Luciano Saltarelli e Marina Confalone

con Marina Confalone, Pino Strabioli e Luigi Cricelli

regia Marina Confalone

 

Marina Confalone, attrice napoletana di grande spessore interpretativo, veste i panni di Palmira, buffa e ridicola protagonista della pièce, vittima della sua stupidità e di un clamoroso equivoco.
Il testo di Luciano Saltarelli e della stessa Confalone, che ne firma anche la regia, é completamente costruito su un personaggio così alieno dalla realtà da sfociare in una paradossale ed acuta saggezza. Giocando sulla corda del divertimento, della parodia e del grottesco, l’esilarante commedia è caratterizzata da un umorismo surreale che regala settanta minuti di divertimento e di pura comicità.

In scena, ad affiancare Marina Confalone, l’esilarante Pino Strabioli, dall’istrionica bravura, e Luigi Cricelli.

 

 

Venerdì 18 aprile ore 21      fuori abbonamento                     Teatro Comico

DANIELE LUTTAZZI

SESSO CON LUTTAZZI

di Daniele Luttazzi

 

Sesso con Luttazzi, ovvero tutto quello che non avreste mai voluto sapere sul sesso ma i vostri genitori hanno voluto dirvi a tutti i costi, è una guida completa agli aspetti più interessanti della sessualità moderna. Con uno stile disinibito fatto apposta per turbare i benpensanti, Daniele Luttazzi dà risposte qualsiasi alle domande vere sull'argomento sesso che ciascuno di noi si è posto almeno una volta nella vita.

Il monologo-cult dell’attore comico e satirico esplora tutto questo e altro ancora, in un tour de force libidico attraverso le repressioni della morale e dell'immaginario.